Category Archives: Politica italiana

E’ PARTITO IL TRENO CON MATTEO RENZI PER IL SUO “INSULTOUR” 2017

Grande successo di Matteo Renzi partito con il treno per il suo “INSULTOUR 2017”. Si vede che non gli bastavano gli insulti virtuali, ogni volta che apre un filo diretto con il popolo della rete, quindi ha voluto sentire con le proprie orecchie quello che pensa di lui la gente in carne ed ossa. Se non fosse bugiardo e arrogante farebbe quasi tenerezza.

Questo post sarà aggiornato ogni volta che verrà pubblicato un video che documenta le reazioni delle persone, perché di sicuro in molte altre località gli riserveranno un cocktail di benvenuto come si deve.

 

 

 

 

 

 

LICATA, SFIDUCIATO IL SINDACO ANTI ABUSIVI

Angelo Cambiano, il sindaco anti-abusivi di Licata (Ag) che vive scortato perchè minacciato più volte e contro cui ci sono state diverse intimidazioni compreso l’incendio di due case di famiglia, è stato sfiduciato dal consiglio comunale. Ventuno i voti a favore della sfiducia, uno in più del quorum necessario. La mozione era stata presentata da 16 consiglieri comunali che gli contestano scelte sbagliate che avrebbero fatto arrivare meno risorse nelle casse comunali. (leggi la notizia completa dal sito del Corriere della Sera)

Dappertutto c’è gente onesta ma in molti casi la maggioranza della popolazione, oltre che della politica, sta dalla parte del malaffare e dell’illegalità, così a perdere sono quelli che speravano in un cambiamento giusto e necessario anche esponendosi in prima persona. Finche quella maggioranza non diventerà minoranza, soprattutto dal punto di vista culturale, nessuno potrà “salvare” certe zone e forse non meriterebbero nemmeno di essere salvate.

IL SINDACO DI TORRE DEL GRECO, ARRESTATO PER CORRUZIONE, NON E’ ISCRITTO A “NOI CON SALVINI”

Capisco che a molti nemici o “amici” faccia comodo attaccare Matteo Salvini e la Lega Nord, ma definire leghista e Salviniano tale Ciro Borriello (sindaco di Torre del Greco arrestato per corruzione) solo perchè dopo aver cambiato molti partiti aspirerebbe ad entrare in parlamento salendo sul carro di “Noi Con Salvini”, senza essere nemmeno tesserato, mi sembra troppo. Questo però conferma che andare a fare politica in certe aree espone alla quasi certezza d’imbattersi in personaggi poco raccomandabili, per cui terrei ben distinta la Lega Nord da altri movimenti. Un Belsito ci ha messo nei guai, basta che un poco di buono esprima apprezzamenti sulle nostre proposte e la macchina anti-Lega Nord si mette in movimento, figuriamoci a quanti rischi ci esporremmo imbarcando sotto uno stesso simbolo centinaia di potenziali trafficoni.

I GRILLINI DOVREBBERO SCENDERE DAL PIEDISTALLO

Non sono contro il Movimento 5 Stelle sempre e comunque, ma sono infastidito dalle bugie che i grillini usano per screditare gli altri, come quando hanno accusato la Lega Nord di non aver votato contro i vitalizi. Secondo me dovrebbero scendere dal piedistallo, sia per i loro numerosi indagati che per un altro aspetto che quasi nessuno considera. Nel 2013 hanno ottenuto un buonissimo risultato eleggendo 163 “cittadini” parlamentari promettendo di spazzare via i vecchi partiti ed eliminare i privilegi, da allora 40 sono usciti dai gruppi parlamentari del Movimento (25%) e sono entrati in quelli dei vecchi partiti o nel gruppo misto, senza più nemmeno l’obbligo morale di rinunciare ai privilegi stessi (Fonte Openpolis). Questo non fa altro che confermare la mia convinzione secondo cui ogni cittadino è onesto fino a quando viene beccato, ed il Parlamento è lo specchio esatto di una società  fatta di brava gente ma anche di bugiardi e malfattori.

FERMATE I VOLTAGABBANA DELLLA POLITICA

Politici voltagabbana che saltano da uno schieramento o da un partito all’altro, votano leggi dannose, oppure nonostante condanne pesanti hanno ancora voce in capitolo (ad es. Formigoni). Finche ci saranno forze politiche disposte ad accoglierli, o anche solo accettarli come alleati sperando in qualche voto in più, il malcostume non finirà  e crescerà la disaffezione della gente per bene. Spero che alle prossime elezioni gli elettori puniscano pesantemente chiunque non avrà  il coraggio di rifiutare accordi con questi personaggi.

SBARCHI: EMMA BONINO SMASCHERA IL GOVERNO E IL PD

In un’intervista Emma Bonino ha dichiarato che fu il governo Letta, nel quale lei è stata Ministro degli Esteri, a chiedere che dal 2014 al 2016 gli sbarchi di immigrati avvenissero sulle coste italiane.

L’attuale Ministro della Giustizia Andrea Orlando si è trovato a commentare l’affermazione della Bonino, ed anche se in evidente imbarazzo ha dovuto ammettere che si proposero per la gestione del fenomeno, perché in quel periodo molti immigrati poi attraversavano le nostre frontiere per raggiungere altri paesi.

Evidentemente fu una delle tante leggerezze commesse dagli ultimi governi, perché la situazione è sfuggita di mano, ed anche a seguito dell’allarme terrorismo molti paesi accettano di accogliere solo profughi identificati ed accertati. Di conseguenza è inevitabile che chi non ha un’identità confermata deve rimanere in Italia, nonostante gli attuali governanti cerchino d’incolpare i paesi che si oppongono ad aprire i loro porti e fingano di fare la voce grossa.

Ecco il breve video con le dichiarazioni di Emma Bonino ed il commento di Andrea Orlando:

 

CODICE DI COMPORTAMENTO A 5 STELLE CADENTI

Qualche anno fa un caro amico grillino, tra i primi ad essere accreditati ufficialmente sul blog del Movimento 5 Stelle, mi diceva che se un politico riceve un avviso di garanzia deve dimettersi, perché non è tollerabile nemmeno un sospetto su chi gestisce la cosa pubblica. Ora che il M5S ha una bella schiera di indagati hanno cambiato opinione, inventando un codice di comportamento (leggi qui) che prevede sanzioni solo dopo una condanna, un patteggiamento o la prescrizione. Dentro ad ogni cittadino c’è un potenziale politicante.

Per me non è in discussione il garantismo difronte ad un avviso di garanzia, soprattutto dopo le vicende che hanno ingiustamente infangato nostri esponenti leghisti, ma i due pesi e due misure usati da Grillo e dai suoi, che sono stati agguerriti giustizialisti fino a quando le inchieste non hanno riguardato i loro “cittadini”.

Il GOVERNO GENTILONI CONFERMA L’INDIPENDENZA DEL MEZZOGIORNO

C’è un “nuovo” governo, schifoso come il precedente. Sono curioso di vedere chi avrà il muso di votargli la fiducia (anche solo come appoggio esterno), e chi avrà il coraggio di considerare potenziali alleati anche uno solo dei partiti di maggioranza.

Nel governo Gentiloni c’è anche il ministero della Coesione territoriale e Mezzogiorno. C’è qualcuno che mi spiega in modo dettagliato perché se l’itagghia è una, unita, indivisibile, può esistere un’area definita mezzogiorno e quali sono i punti della costituzione che lo prevedono, visto che ci dicono che la Padania non esiste? Di sicuro chi vuole salvare l’itagghia intera dovrebbe essere contento di questa nuova porcheria, o almeno legittimarla chiedendo anche l’indipendenza della Padania.

Sarebbe interessante se qualche parlamentare della Lega Nord girasse ufficialmente la mia domanda a Gentiloni, sottolineando proprio il riconoscimento della Macroregione denominata “Mezzogiorno” e chiedendo lo stesso per la Padania.

REFERENDUM: PESANTE SCONFITTA PER IL GOVERNO RENZI

Brevi riflessioni sul risultato del referendum:

– sono molto soddisfatto per la vittoria del NO e per la cacciata di un governo di incapaci e presuntuosi

– gli elettori sono stati chiari nel chiedere un’inversione di rotta, per risolvere i problemi delle categorie oneste e produttive

– ora c’è il rischio di un governo tecnico con l’appoggio di professionisti della prostituzione politica

– i partiti del fronte del NO hanno ricette diverse e spesso inconciliabili, mentre quelli del SI sono uniti nell’obbedire ai peggiori poteri.

IL MINISTRO PADOAN NON CONOSCE IL MONDO REALE

Si può essere leghisti o meno, ma consiglio a tutti di dedicare 40 secondi del proprio tempo per guardare questo breve video nel quale il ministro dell’economia Padoan  fa una figuraccia colossale. Siamo governati da gente che non conosce minimamente la realtà con la quale ogni cittadino deve fare i conti ogni giorno, poi ci meravigliamo perché a un invalido al 100% danno 279,47€ al mese e a un clandestino 1.050€ al mese.