Category Archives: Politica

AUTONOMIA LOMBARDIA FINALMENTE QUALCOSA DI CONCRETO

Prima bozza del testo sulla trattativa con il governo per l’autonomia della Regione Lombardia, a seguito del referendum del 22 ottobre 2017. Una bozza non ha un significato particolare, e non garantisce nessun risultato positivo finale, ma per la prima volta si ha una base concreta sulla quale lavorare e passare dalle parole ai fatti. I sei milioni di partecipanti al referendum hanno vinto la pigrizia e gli ordini di partito, ma ora si aspettano quantomeno l’impegno per tentare di raggiungere l’obiettivo e nulla dovrà più essere come prima del giorno della consultazione.

Ecco le immagini della bozza (cliccarci sopra per renderle leggibili):

 

 

 

 

 

 

IL M5S VUOLE PRENDERSI TUTTO IL MERITO DEL SUCCESSO REFERENDARIO

I referendum di Lombardia e Veneto sono stati un successo, anche se di proporzioni diverse. Fino a sabato sera molti nemici dell’autonomia invitavano a non andare a votare “perché è un referendum farsa della Lega Nord”. Da lunedì il tema  dei TG e di molti programmi d’intrattenimento, visto che i votanti totali sono stati circa 6 milioni, è diventato: “E’ stato un successo della gente perchè il referendum riguardava tutti e non solo la Lega Nord”.

Come al solito e come avviene dopo ogni consultazione politica, quasi tutti si dichiarano vincitori ma in questo caso Beppe Grillo sta andando giù pesante, confermando la sua arroganza e mancanza di argomentazioni serie.

Su suo blog ha scritto un post per avvalorare le proprie tesi, degne di un Matteo Renzi qualunque. Ecco un estratto di quanto pubblicato:

Estratto parte 2 – cliccare per leggere
Estratto parte 1 – cliccare per leggere

Questo è il commento che ho lasciato sotto al post e che è stato pubblicato:

Trovo paradossale, incredibile, comico che il Movimento 5 Stelle voglia attribuirsi i meriti del successo del referendum, attaccando la Lega Nord che è stata il promotore e il movimento che più si è impegnato per la campagna referendaria. Sarebbe interessante chiedere a 100 persone chi ha voluto quella consultazione, per ricevere la conferma di quanto sto affermando. Se alcuni cittadini che fanno riferimento al M5S sono andati alle urne, l’hanno fatto perchè credevano nel quesito e nei suoi obiettivi. Quando farete il vostro Tour elettorale in Sicilia spiegate bene perchè eravate a favore del referendum lombardo e veneto, magari chiedendo perchè invece in quella regione l’autonomia ha portato solo disastri.

SGOMBERO IN PIAZZA INDIPENDENZA A ROMA

su

La vicenda degli sgomberi di Roma viene raccontata solo per gli scontri con la polizia, con particolare riferimento alla frase dell’agente che invitava ad usare il pugno duro se i manifestanti fossero diventati violenti, mentre dal pentolone scoperchiato emergono altri aspetti interessanti. Se sono profughi già accertati e non clandestini, perchè hanno avuto bisogno di occupare uno stabile? Vista la presenza di bombole a gas e di chissà quali altri dispositivi non a norma c’era un alto rischio per la sicurezza, le indagini su quella struttura riguardavano anche i cosiddetti movimenti per la casa e un centro sociale (Angelo Mai), molti immigrati hanno dichiarato di dover pagare un tot per notte al racket che “gestisce” la struttura. (Fonte: Corriere della Sera)

A questo punto la frase del poliziotto risulta il problema minore, perché la vita degli occupanti abusivi era messa in pericolo da possibili esplosioni di quelle bombole, la qualità della loro vita era aggravata dalle vessazioni del racket, anche questa vicenda viene sfruttata dai vari movimenti che difendono tutto quello che è abusivo e va contro le regole di civile e regolare convivenza.

ATTENTATO TERRORISTICO A BARCELLONA

Per quanto successo a Barcellona, mi sento solo di dire che sono molto dispiaciuto perchè sono innamorato di quella città. Per il resto dovrei copiare e incollare le parole usate per ogni altro attentato, sapendo che a quelle parole non sono seguite azioni concrete per riportarci tranquillità  e sicurezza.

D’altronde quando si è governati da incapaci irresponsabili, che non vogliono riconoscere la vera causa della minaccia che ci coinvolge tutti, invece di muri materiali o legislativi dobbiamo accontentarci di muretti con i quali tentano di lavarsi la coscienza.

E se servisse ulteriore conferma….

SE LE NAVI DELLE ONG “RIBELLI” NON POSSONO RAGGIUNGERE I PORTI CI PENSA LA GUARDIA COSTIERA

Siccome “Medici senza Frontiere” non ha sottoscritto l’intesa con il Viminale, una sua nave non viene fatta entrare nel porto di Lampedusa. Quindi viene fatta tornare indietro con il suo carico di presunti clandestini? NO, i presunti clandestini vengono trasbordati su due unità  della Guardia Costiera, che completano il servizio di TAXI del mare verso le coste italiane con tutti i rischi e i costi connessi.

In pratica hanno spacciato l’accordo con le stesse ONG come una dura presa di posizione contro chi, con la scusa di soccorrere i migranti, favorisce l’immigrazione clandestina e gli affari delle organizzazioni di scafisti, ma in realtà il “lavoro” delle organizzazioni ribelli viene completato dalla Guardia Costiera italiana.

Qui di seguito pubblico un estratto della notizia riportata dal sito del Corriere della Sera:

Mentre non si fermano le polemiche sul codice di condotta e sui salvataggi delle ong in mare, oltre 127 migranti sono sbarcati a Lampedusa. I soccorsi sono stati effettuati dalla Vos Prudence, la nave di Medici senza Frontiere, al largo della Libia. Poi, dopo il trasbordo sulle due motovedette della Guardia Costiera i migranti sono stati portati nel porto di Lampedusa. «Le operazioni si sono svolte in modo regolare», ha spiegato Msf in una nota. (Fonte: Corriere della Sera)

EMMA BONINO CONFERMA ACCORDO SBARCHI IN ITALIA

Ecco un nuovo breve video con alcune affermazioni dell’ex Ministro Emma Bonino, la quale conferma l’esistenza di un accordo che prevede l’arrivo dei presunti profughi sulle coste italiane. La Bonino parla anche della modifica della legge Bossi-Fini, anche se è noto che aveva come principio fondamentale quello di accogliere solo chi ha una casa e un posto di lavoro, tra l’altro quella legge non è quasi mai stata applicata. Da fine 2011 ci sono governi di centro sinistra, quindi se avessero voluto modificare leggi per consentire una miglior gestione dei flussi migratori avrebbero avuto tutto il tempo.

Per guardare il video cliccare sul link sottostante:

http://bit.ly/2sAw7cz

 

 

RENZI COLLEZIONA FIGURE DI CIOCCOLATA

Sulla pagina ufficiale del PD su Facebook hanno pubblicato questa immagine, per anticipare un brano del libro di Matteo Renzi. Il risultato è che ora i sinistri sono incazzati, divisi tra chi accusa Renzi di usare gli argomenti della Lega Nord e chi accusa i suoi addetti ai social di aver sbagliato a rendere pubblico questo suo pensiero. Ridicoli.

 

 

Già che ci sono pubblico anche il commento che ho lasciato sulla pagina ufficiale di Facebook di Silvio Berlusconi, sotto ad un post nel quale accusava il PD per la proposta della legge sullo IUS SOLI e in generale sulla sua attività di governo. Per leggere il testo cliccate sulla foto.

 

 

GLI IMMIGRATI NON PAGHERANNO LE NOSTRE PENSIONI

Abbiamo oltre 3 milioni di disoccupati, quasi 6 milioni di pensionati prendono meno di 1.000 euro al mese, ma secondo il presidente dell’INPS Tito Boeri abbiamo bisogno di immigrati che pagheranno le nostre pensioni. Ogni immigrato che arriva ci costa almeno 1.050 euro al mese, e difficilmente trova un lavoro che gli permetta di versare contributi sostanziosi e continuativi. Non sarebbe meglio incentivare le assunzioni dei nostri disoccupati e smettere di sparare cazzate?

Un immigrato che non lavorerà almeno dai 30 ai 36 anni complessivi non solo non pagherà le nostre pensioni, ma non maturerà nemmeno i contributi per la sua. Questo sarà un grave problema sociale, perché nel frattempo sarà diventato un nuovo cittadino italiano senza pensione o con una che non gli consentirà una vita dignitosa.

Questo è un post che avevo pubblicato oltre 5 anni fa, nel quale facevo un esempio dettagliato, che è ancora attuale anche se le normative sulla cittadinanza italiana non vennero modificate: http://www.affaripadani.info/2012/02/no-alla-cittadinanza-facile.html

MIGRANTI: IL GOVERNO ITALIANO SBUGIARDATO

Ascoltare Gentiloni e gli altri membri del governo italiano sulla questione migranti è imbarazzante. I leaders europei chiedono regole e mettono condizioni, soprattutto distinguono tra veri profughi e clandestini, poi danno una pacca sulla spalla al fratello minore (l’italietta) che abbaia poi accoglie e mantiene tutti.

Basta ascoltare le notizie che parlano delle nazionalità di chi arriva con i barconi, e magari inscena proteste per avanzare pretese, per capire che la stragrande maggioranza non proviene da paesi dove c’è la guerra.

Ora che anche i cosiddetti tolleranti e accoglienti, ad esempio il francese Macron, dicono che circa l’80% di chi sbarca sulle coste italiane non ha diritto allo status di profugo, la responsabilità dell’invasione incontrollata ricade sulle autorità italiane, ma siccome i governanti e la stampa compiacente sono allergici al termine “clandestini” preferiscono chiamarli “migranti economici”.

Riassumendo:

Migranti economici = persone che non scappano dalla guerra = persone quasi sempre senza documenti = persone che vogliono farsi mantenere mentre viene esaminata la loro domanda di asilo = persone alle quali paghiamo l’avvocato d’ufficio per il ricorso se la domanda viene respinta = CLANDESTINI che andrebbero espulsi.

IN POLITICA TROPPO SPESSO MODERATI=VENDUTI

Se essere moderati significasse solo rifiutare toni e comportamenti violenti, forse potrei anche apprezzare. Il problema è che per gente come Berlusconi, Gelmini, Brunetta, essere moderati significa non prendere posizioni nette per potersi vendere politicamente al miglior offerente, dimenticandosi delle promesse fatte agli elettori e degli accordi fatti con gli alleati.