FERMATE I VOLTAGABBANA DELLLA POLITICA

Politici voltagabbana che saltano da uno schieramento o da un partito all’altro, votano leggi dannose, oppure nonostante condanne pesanti hanno ancora voce in capitolo (ad es. Formigoni). Finche ci saranno forze politiche disposte ad accoglierli, o anche solo accettarli come alleati sperando in qualche voto in più, il malcostume non finirà  e crescerà la disaffezione della gente per bene. Spero che alle prossime elezioni gli elettori puniscano pesantemente chiunque non avrà  il coraggio di rifiutare accordi con questi personaggi.

EMMA BONINO CONFERMA ACCORDO SBARCHI IN ITALIA

Ecco un nuovo breve video con alcune affermazioni dell’ex Ministro Emma Bonino, la quale conferma l’esistenza di un accordo che prevede l’arrivo dei presunti profughi sulle coste italiane. La Bonino parla anche della modifica della legge Bossi-Fini, anche se è noto che aveva come principio fondamentale quello di accogliere solo chi ha una casa e un posto di lavoro, tra l’altro quella legge non è quasi mai stata applicata. Da fine 2011 ci sono governi di centro sinistra, quindi se avessero voluto modificare leggi per consentire una miglior gestione dei flussi migratori avrebbero avuto tutto il tempo.

Per guardare il video cliccare sul link sottostante:

http://bit.ly/2sAw7cz

 

 

RENZI COLLEZIONA FIGURE DI CIOCCOLATA

Sulla pagina ufficiale del PD su Facebook hanno pubblicato questa immagine, per anticipare un brano del libro di Matteo Renzi. Il risultato è che ora i sinistri sono incazzati, divisi tra chi accusa Renzi di usare gli argomenti della Lega Nord e chi accusa i suoi addetti ai social di aver sbagliato a rendere pubblico questo suo pensiero. Ridicoli.

 

 

Già che ci sono pubblico anche il commento che ho lasciato sulla pagina ufficiale di Facebook di Silvio Berlusconi, sotto ad un post nel quale accusava il PD per la proposta della legge sullo IUS SOLI e in generale sulla sua attività di governo. Per leggere il testo cliccate sulla foto.

 

 

SBARCHI: EMMA BONINO SMASCHERA IL GOVERNO E IL PD

In un’intervista Emma Bonino ha dichiarato che fu il governo Letta, nel quale lei è stata Ministro degli Esteri, a chiedere che dal 2014 al 2016 gli sbarchi di immigrati avvenissero sulle coste italiane.

L’attuale Ministro della Giustizia Andrea Orlando si è trovato a commentare l’affermazione della Bonino, ed anche se in evidente imbarazzo ha dovuto ammettere che si proposero per la gestione del fenomeno, perché in quel periodo molti immigrati poi attraversavano le nostre frontiere per raggiungere altri paesi.

Evidentemente fu una delle tante leggerezze commesse dagli ultimi governi, perché la situazione è sfuggita di mano, ed anche a seguito dell’allarme terrorismo molti paesi accettano di accogliere solo profughi identificati ed accertati. Di conseguenza è inevitabile che chi non ha un’identità confermata deve rimanere in Italia, nonostante gli attuali governanti cerchino d’incolpare i paesi che si oppongono ad aprire i loro porti e fingano di fare la voce grossa.

Ecco il breve video con le dichiarazioni di Emma Bonino ed il commento di Andrea Orlando:

 

CIAO DODDORE, CI MANCHERAI TANTO

 

Ieri ci ha lasciato Salvatore Doddore Meloni, indipendentista sardo, morto per le conseguenze dello sciopero della fame e della sete che ha messo in pratica per oltre 60 giorni dal momento del suo arresto, avvenuto lo scorso aprile. Il motivo della condanna è stato evasione fiscale, perché considerava lo stato italiano come un occupante della sua terra, pertanto riteneva di non dover pagare nulla a chi si comporta da oppressore.

Il mondo è pieno di “rivoluzionari” che, una volta ottenuta una poltrona nel sistema che volevano demolire, abbassano i toni perché il cambiamento può attendere il tempo necessario per garantirsi un futuro agiato, derivante dai privilegi offerti proprio da quel sistema. Doddore ha scelto di non scendere a compromessi, ha perso i suoi beni materiali ed ha offerto alla causa il bene più prezioso: la sua vita.

La prima volta che l’ho incontrato è stata nell’agosto del 2010 nella sua splendida Sardegna, di lui mi colpirono il carisma, l’ironia, la generosità, ma soprattutto il fatto che conducesse la sua battaglia in modo pacifico e non violento, avvalendosi solo delle leggi italiane o internazionali che garantiscono diritti di autonomia e autodeterminazione. Per questo già in passato aveva trascorso 9 anni in carcere.

Purtroppo lo stato italiano e le sue leggi si preoccupano di garantire una morte dignitosa anche ai mafiosi, concedono gli arresti domiciliari a molestatori violenti che poi uccidono le loro prede, ma non hanno nessuna pietà di chi si macchia di reati d’opinione.

Voglio ricordarlo con questa frase che mi ripeteva spesso: “presto o tardi vinceremo la nostra battaglia perché noi siamo dalla parte della ragione”. Ciao caro amico.

In questa pagina del blog potete leggere qualcosa della storia di Doddore: http://www.affaripadani.info/malu-entu

Questa è la registrazione di un’intervista telefonica che gli ho fatto in collegamento dagli studi di Radio Padania Libera:

 

 

 

 

 

GLI IMMIGRATI NON PAGHERANNO LE NOSTRE PENSIONI

Abbiamo oltre 3 milioni di disoccupati, quasi 6 milioni di pensionati prendono meno di 1.000 euro al mese, ma secondo il presidente dell’INPS Tito Boeri abbiamo bisogno di immigrati che pagheranno le nostre pensioni. Ogni immigrato che arriva ci costa almeno 1.050 euro al mese, e difficilmente trova un lavoro che gli permetta di versare contributi sostanziosi e continuativi. Non sarebbe meglio incentivare le assunzioni dei nostri disoccupati e smettere di sparare cazzate?

Un immigrato che non lavorerà almeno dai 30 ai 36 anni complessivi non solo non pagherà le nostre pensioni, ma non maturerà nemmeno i contributi per la sua. Questo sarà un grave problema sociale, perché nel frattempo sarà diventato un nuovo cittadino italiano senza pensione o con una che non gli consentirà una vita dignitosa.

Questo è un post che avevo pubblicato oltre 5 anni fa, nel quale facevo un esempio dettagliato, che è ancora attuale anche se le normative sulla cittadinanza italiana non vennero modificate: http://www.affaripadani.info/2012/02/no-alla-cittadinanza-facile.html

MIGRANTI: IL GOVERNO ITALIANO SBUGIARDATO

Ascoltare Gentiloni e gli altri membri del governo italiano sulla questione migranti è imbarazzante. I leaders europei chiedono regole e mettono condizioni, soprattutto distinguono tra veri profughi e clandestini, poi danno una pacca sulla spalla al fratello minore (l’italietta) che abbaia poi accoglie e mantiene tutti.

Basta ascoltare le notizie che parlano delle nazionalità di chi arriva con i barconi, e magari inscena proteste per avanzare pretese, per capire che la stragrande maggioranza non proviene da paesi dove c’è la guerra.

Ora che anche i cosiddetti tolleranti e accoglienti, ad esempio il francese Macron, dicono che circa l’80% di chi sbarca sulle coste italiane non ha diritto allo status di profugo, la responsabilità dell’invasione incontrollata ricade sulle autorità italiane, ma siccome i governanti e la stampa compiacente sono allergici al termine “clandestini” preferiscono chiamarli “migranti economici”.

Riassumendo:

Migranti economici = persone che non scappano dalla guerra = persone quasi sempre senza documenti = persone che vogliono farsi mantenere mentre viene esaminata la loro domanda di asilo = persone alle quali paghiamo l’avvocato d’ufficio per il ricorso se la domanda viene respinta = CLANDESTINI che andrebbero espulsi.

IN POLITICA TROPPO SPESSO MODERATI=VENDUTI

Se essere moderati significasse solo rifiutare toni e comportamenti violenti, forse potrei anche apprezzare. Il problema è che per gente come Berlusconi, Gelmini, Brunetta, essere moderati significa non prendere posizioni nette per potersi vendere politicamente al miglior offerente, dimenticandosi delle promesse fatte agli elettori e degli accordi fatti con gli alleati.

RISULTATI DEI BALLOTTAGGI

 

Si sa che non mi piacciono le alleanze con certi partitacci, comunque questo è il mio pensiero sui risultati dei ballottaggi:

Il cosiddetto centro-destra (SENZA gli Alfaniani) vince alla grande nonostante Berlusconi, che a parte qualche stronzata detta in interviste è rimasto lontano dai comizi. Non dimentichiamo che Berlusconi non perde occasione per dichiarare il suo favore nei confronti degli euro burocrati, continua a parlare di moderati condannando un presunto populismo, sogna una legge elettorale che gli consenta di tenere le mani libere per poter tradire nuovamente e governare con Renzi, o con qualche premier imposto da Bruxelles. Il PD prende una batosta grazie all’insopportabile Renzi ed alle sue proposte solo a favore di banche e immigrati. Delusione per Padova, ma forse ri-allearsi con chi aveva tradito non ha portato bene. Successo di Matteo Salvini che si è speso tantissimo, andando anche nei comuni più piccoli per dare forza ai candidati.