BERLUSCONI VUOL DIRE SFIDUCIA, CON O SENZA NOTAIO

Andare da Berlusconi senza cappello in mano a mendicare, dopo le esperienze passate, secondo me significa due opzioni (ammesso che il cosiddetto centro destra vinca le elezioni):

1- si presenta un programma unico, si va da un notaio per registrarlo includendo la clausola che i partito che prenderà un voto in più deciderà il premier per realizzarlo. Malauguratamente Forza itagghia prende un voto in più, propone un premier filoburocrati europei e tutto il peggio del peggio e non cambierà nulla.

2- La Lega Nord prenderà un voto in più e proporrà il premier, nel caso ottenesse la fiducia delle camere potrebbero entrare in campo i ricattatori dello spread, i franchi tiratori, gli allarmi della presidenza della repubblica ad ogni provvedimento sgradito (vorrei vedere ogni volta i nostri rivolgersi al notaio per far valere il rispetto del punto del programma concordato, sottoscritto e non rispettato). A quel punto una persona amante del suo paese come Berlusconi, a malincuore, credo che si sacrificherebbe per il bene nazionale cedendo a un accordo con pezzi del centro sinistra, tagliando fuori la Lega Nord, il notaio, e la fiducia ottenuta dagli elettori.

Siccome non sono un esperto di politica, le mie potrebbero essere ipotesi totalmente sbagliate, ma una riflessione l farei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − tre =