SGOMBERO IN PIAZZA INDIPENDENZA A ROMA

su

La vicenda degli sgomberi di Roma viene raccontata solo per gli scontri con la polizia, con particolare riferimento alla frase dell’agente che invitava ad usare il pugno duro se i manifestanti fossero diventati violenti, mentre dal pentolone scoperchiato emergono altri aspetti interessanti. Se sono profughi già accertati e non clandestini, perchè hanno avuto bisogno di occupare uno stabile? Vista la presenza di bombole a gas e di chissà quali altri dispositivi non a norma c’era un alto rischio per la sicurezza, le indagini su quella struttura riguardavano anche i cosiddetti movimenti per la casa e un centro sociale (Angelo Mai), molti immigrati hanno dichiarato di dover pagare un tot per notte al racket che “gestisce” la struttura. (Fonte: Corriere della Sera)

A questo punto la frase del poliziotto risulta il problema minore, perché la vita degli occupanti abusivi era messa in pericolo da possibili esplosioni di quelle bombole, la qualità della loro vita era aggravata dalle vessazioni del racket, anche questa vicenda viene sfruttata dai vari movimenti che difendono tutto quello che è abusivo e va contro le regole di civile e regolare convivenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 5 =